< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • June 2007
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/06/2007

    You can call me snob

    Filed under: — JE6 @ 10:25

    Io non credo che tutti possano fare tutto; e anche se questo fosse possibile, non credo che tutti possano fare tutto bene. Al mondo ci sono sicuramente più persone di quante non crediamo che fanno altri mestieri e che potrebbero assai dignitosamente piazzarsi davanti a una telecamera o ad un microfono, e mostrare preparazione, scioltezza, proprietà di linguaggio, simpatia. Ma è un “molte” relativo, con ogni evidenza. Invece siamo perseguitati da farfugliamenti, banalità, frasi sconnesse, ammannitici in nome del “questo è il mondo”: ma noi sappiamo com’è il mondo, perchè ci viviamo dentro, e non abbiamo bisogno di accendere la televisione per sapere come si discute davanti al bancone del bar. Diciamo la verità: peggio dei programmi fondati sugli interventi della gente ci sono solo i programmi condotti da Serena Garitta, che però – almeno – ha le tette grosse. Giorgio Medail non ha le tette grosse.
    Serena Garitta, TGCom

    8 Responses to “You can call me snob”

    1. Carlo Says:

      I ggiovani possono fare tutto e bene. Chessò, un ggiovane cardiochirurgo può fare l’architetto, un ggiovane benzinaio può fare l’ematologo, un ggiovane blogger può fare l’avvocato e un ggiovane dirigente di banca può fare il presdelcons (trovare quella vera).

    2. stark Says:

      Ho visto cinque minuti di quel programma e devo dire che se pure la Rai da’ lavoro ai minus habentes reduci del Grande Fratello, allora è proprio finita (lo dico con la morte nel cuore: a me le tette grosse piacciono). La TV della libertà, invece, mi ricorda uno di quei filmini di propaganda di Birkenau che giravano per convincer gli ebrei a farsi internare spontaneamente. La libertà è qui dentro! Fuori è un brutto mondo!

    3. farfintadiesseresani Says:

      Tette grosse! Dove? Quando? Tette grosse! Qualcuno ha detto “tette grosse”? Dove? Quando? Tette grosse!

    4. Carlo Says:

      a questo punto devo farlo:

      http://brodoprimordiale.net/archives/2007/06/08/sono-rimasto-colpito-dagli-occhi/

    5. Squonk Says:

      Sapete che vi adoro quando mi mandate in vacca i post vergati con il sudore della fronte e lo strizzamento delle meningi. Quarantenni.

    6. Carlo Says:

      Lei è troppo serio ultimamente: ha mai pensato di aprirsi un twitter? Vuole un gelato?

    7. Squonk Says:

      Di Twitter si è persino stufato il buon Gaspar (il quale, però, continua a portare le Crocs – cosa che spero di poter fare anch’io in tempi brevi). Un Mottarello, invece, ci starebbe proprio bene, in questo momento.

    8. Mattea Says:

      Beh, buon per lui che non ha le tette grosse…io ne conosco di uomini con le tette grosse… sono peggio dei programmi dii Alda D’Eusanio…

    Leave a Reply