< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • September 2007
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/09/2007

    Il potere del popolo

    Filed under: — JE6 @ 12:36

    Tra le critiche rivolte a Beppe Grillo, le più diffuse ma a mio parere meno consistenti sono quelle che riguardano il suo essere attore, per di più comico. Provenire dal mondo dello spettacolo non ha impedito a Ronald Reagan e Vaclav Havel di diventare presidenti delle rispettive nazioni, mi pare, e non gli ha nemmeno impedito di essere all’altezza del ruolo.
    Personalmente, trovo che il buco nero dello schema di pensiero grilliano (sempre che ne esista uno) sia quel suo voler considerare i partiti come un cancro e gli eletti come i dipendenti degli elettori. Al riguardo non ho cambiato idea rispetto a molti mesi fa: quando eleggo qualcuno, lo faccio perchè costui prenda decisioni in nome e per conto mio; talvolta lo farà avendo ben presente i miei desiderata, ma talaltra lo farà (anzi, io pretendo che lo faccia) di testa sua, magari andando anche contro il volere mio e di quelli come me. Perchè dispone di maggiori informazioni, perchè ha un confronto con soggetti con i quali io non entro in contatto e che gli permettono di ridefinire le sue decisioni.
    Diciamo la verità, un leader, uno statista (ma anche un vero buon amministratore) non è uno yes-man: nemmeno nei confronti di chi lo ha eletto, cioè di chi gli ha effettivamente conferito il potere. L’ultima cosa che mi auguro è una dittatura, ma un vero potere del popolo, sul serio, mi terrorizza.

    Brrrr(ezer)

    Filed under: — JE6 @ 12:03

    Il problema di essere l’unico latino in un’allegra compagnia fatta da una cinquantina di persone tutte nate e residenti ben al di là delle Alpi è che sei il solo che dopo un po’ beve per riscaldarsi – Bruxelles non è il posto migliore per un cocktail all’aperto a metà settembre, che si sappia.