< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • September 2007
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/09/2007

    Piccoli piaceri

    Filed under: — JE6 @ 16:21

    Rubo il claim all’ultima campagna di McDonald’s per descrivere il godimento di vedere Valentino Nastrazzurro Rossi confermarsi splendidamente nel ruolo di piangina [1], cume se dis chi a Milan.
    [1] Per non parlare, poi, dei suoi paggetti mediatici, i più realisti del re, i più patetici del patetico.

    La domenica del villaggio

    Filed under: — JE6 @ 11:31

    E allora ci siamo arrivati, anche quest’anno.
    Il primo lunedì di settembre. Ci siamo tutti, alle spalle le spiagge e i bollini rossi, di fronte un altro anno – chè gli anni non iniziano il primo gennaio, lo sappiamo bene.
    E’ il momento di fare un respiro profondo e di buttarsi, è il momento di non pensare a cosa ci aspetta, è il momento di iniziare la salita, è il momento di riprendere a fare tutto ciò che facciamo ogni giorno per cinquanta settimane consecutive mettendo inconsapevolmente in atto tutti gli automatismi che ci fanno andare avanti dalla culla alla tomba. E’ il momento di sopravvivere, insomma.