< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • September 2007
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/09/2007

    Arrivederci, speriamo

    Filed under: — JE6 @ 12:55

    Il Diario della settimanainterrompe le pubblicazioni, e dispiace un po’. Tra i motivi che portano alla chiusura vengono citati anche i blog, e in generale le opportunità di trovare informazione affidabile in modo rapido ed economico, ma si tratta di un’osservazione che pare scritta con un mezzo sorriso sulla bocca, quasi a dire “noi ci smeniamo, ma che questo succeda è solo un bene”. La considerazione sul mercato pubblicitario italiano è ugualmente sobria, ma ben più amara: vorremmo tutti vivere in un mondo migliore, ma questo è quello che ci tocca.
    Il Diario della settimana

    La razza di partenza

    Filed under: — JE6 @ 08:47

    Io di sicuro non sono in grado di valutare le doti artistiche di Luciano Pavarotti (se non con il metro del “mi piace, non mi piace”: no, non mi piaceva, ma in genere non mi piace la lirica). Però mi sento di sottoscrivere le prime righe di questo post di Sasaki, che – per quanto mi riguarda – non tolgono il dovuto rispetto nei confronti della morte e del dolore che questa porta:
    Con la morte di Luciano Pavarotti se ne va un pezzettino di una Italia che esiste solamente nella testa di quelli che vivono fuori dai confini del bel paese. E’ una nazione, quella, fatta di pizza, mammà (con l’accento: se possibile lo trovo ancora più fastidioso), furbizia, belcanto, vado-in-vacanza-a-Milano-vicino-a-Napoli. Adesso restano la signora Fracci, Laura Pausini, Eros Ramazzotti, quell’altro pacco mostruoso di Andrea Bocelli e pochi altri. E’ la razza di partenza, poi c’è il gene-valentino-rossi (il dottore) ma quello è già un altro tipo di italiano famoso all’estero. Divertente notare che entrambe le specie hanno in comune l’innata capacità di farsi belli ed essere idolatrati in un Paese per il quale non fanno nulla: nemmeno contribuire e/o sottostare all’erario pubblico.
    Sasaki Fujika