< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • September 2007
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/09/2007

    La schiena dritta

    Filed under: — JE6 @ 13:57

    Una lettrice mi ha scritto, nei commenti a questo post: “Lei ha la schiena dritta“. Non ho potuto non ringraziare. Ma ho ricordato alla gentile e lontana amica che ho passato l’estate a leggere e rileggere Primo Levi – apparente esempio di fermezza e dirittura morale – trovando, nella lucidità che questo enorme scrittore portava con sè come patrimonio e forse anche come peso, la conferma che la “schiena dritta” è, in parte molto maggiore di quanto siamo abituati a pensare, frutto di quel che possiamo chiamare di volta in volta caso, fortuna, destino: la sliding door che ci porta in pasto o ci allontana dall’occasione che fa l’uomo ladro. Poi, certo: ci sono la volontà, l’educazione che si è ricevuta e che ci ha formati, la ricerca consapevole di un obiettivo “buono”: ognuno di noi è artefice di una parte di se stesso e di ciò che questo se stesso combina nella vita. Però la luna oppone al suo lato illuminato una faccia buia: e quella schiena che ci vantiamo di saper tenere dritta, quanto facilmente si potrebbe piegare e persino spezzare al solo girare della fortuna che – abbiamo abbastanza esperienza di vita per non saperlo – può prendere le sembianze di un salvatore in colbacco come quelle di un demonio con le mostrine a forma di teschio.