< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • February 2010
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/02/2010

    Greetings from London ’10 – La misura perfetta

    Filed under: — JE6 @ 00:27

    Quando esco dalla fermata della metro di Earl’s Court guardo le ore sul display del telefono. Calcolo quanto sono stato fuori. Quattro ore. Nulla, in fondo – meno di mezza giornata in ufficio. Eppure non importa, non ho la sensazione che il tempo sia stato poco, che ce ne volesse ancora. L’ho capito poco prima, davanti all’abbazia di Westminster, quando mi è sembrato che fare anche un solo passo in più non sarebbe servito a nulla, che avevo avuto già tutto quello che avrei potuto desiderare dalla mia serata. Non ho sentito il bisogno di entrare in un altro pub, di andare a sentire musica, di buttarmi dentro HMV: magari la prossima volta, magari no, non importa. Penso che queste poche ore sono una metafora ben riuscita, spiegano tante cose che già so e che mi dimentico troppo spesso, che non è questione di quanto ma di come, che a volte bastare a se stessi – stare da soli e non sentire né il bisogno né la mancanza di nessuno – non è egoismo ma semplicemente ascoltarsi e ricaricare le proprie pile e coltivarsi per quel che si può e quel che si riesce. Passo l’incrocio con Warwick Road, sono arrivato.

    One Response to “Greetings from London ’10 – La misura perfetta”

    1. Gieffe Says:

      Come non rispondere a questo che, più che un post, è una dichiarazione di Amore nei confronti di una città che anche io adoro?
      Sono stato 3 volte a Londra nella mia vita, l’ultima l’anno scorso a febbraio, e ogni volta che ritorno il mio cuore si ammala per questa meravigliosa città, in cui non so nemmeno io cosa ci sia di affascinante. Forse adoro la metropolitana con cui arrivare ovunque, forse adoro l’odore che la circonda, quel misto di ferro e piombo (non a caso da qui partì la rivoluzione industriale, giusto??), forse adoro la discrezione delle persone, il loro “British Style” nel dire le cose, anche le peggiori, come se non fosse accaduto nulla. Forse adoro il silenzio che sembra esserci ovunque, forse quello che mi manca ogni volta che torno in Italia è il senso di appartenenza ad una città che mi ha rapito il cuore.
      Comunque rileggendo i tuoi post mi hai fato rivivere una esperienza che ho condiviso sia da solo che assieme alla persona che amo, e che spero di riprovare presto. Ogni volta che visito Londra mi viene la voglia di trasferirmi per vedere se è tutto solo un bel “sogno” oppure se tutto il bello che ci vedo io sia veramente realtà.
      Grazie Squonk, grazie di cuore per questa emozione. Solo non ho trovato il tuo profilo, forse volutamente rimosso dalle pagine del Blog. Vorrei sapere chi sei o cosa fai. altre info su di me le trovi sul mio Blog.

      Buona Giornata:
      Gieffe

      http://deliriquotidiani.wordpress.com

    Leave a Reply