< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • February 2004
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/02/2004

    Scrivi come mangi

    Filed under: — JE6 @ 21:45

    un conto è quello che uno pensa e scrive un altro è quello che uno è“, afferma il Fratello Spiritum.
    Per quanto vale la mia opinione, non è così, a meno che lo scrittore si cimenti nella fiction.
    Da queste parti, intendo dire in larghissimi settori della blogpalla, la gente tende a scrivere di se stessa, dei fatti suoi, delle proprie idee e sensazioni, delle cose che gli accadono. Messa così, c’è poco da discutere: siamo ciò che scriviamo, e scriviamo ciò che siamo. Punto.
    Dopo di che, rispetto e tolleranza son cose che nemmeno devono essere discusse, e che acquistano ancora maggior valore se esercitate nei confronti di chi, per mero esibizionismo o per un berlusconiano sentirsi unti dal signore dei blog, sembrerebbe meno meritevole di esserne beneficiario.
    Come ho già scritto in merito, questo è un atteggiamento di compassione egoistica: ciò che è accaduto a te, potrebbe accadere anche a me. E quindi, anche se della tua sorte mi cala poco, mi interesso della mia.