< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2004
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/02/2004

    Tutto il mondo è paese

    Filed under: — JE6 @ 10:31

    Chi ha frequentato, per diletto o per mestiere, i blog della famiglia di Amethodos Hyle, sa che questi hanno chiuso i battenti “per miserie umane“.
    A costo di fare la figura del terzista buonista, riporto qui sotto un commento che ho lasciato a casa di Lorenza, orfana della famiglia.
    Sarebbe forse fin troppo facile fare dell’ironia in questo frangente, o scrivere cose del tipo “chi semina vento”, eccetera.
    Invece, anche a me dispiace ciò che è successo. Più in là, non mi sento di andare, perchè capisco sia il punto di vista di Mitì
    (capisco e condivido anche molto bene ora la loro voglia di fuggire dai deficienti. Ci vuole del tempo per digerire certe meschine “miserie umane”. Possono fare più male di quel che sembra, perché spaventano causa l’eccessivo, sovraeccitato, disequilibrato astio. Già il “mondo reale” è pieno di persone sgradevoli; trovarsele a fianco anche in un luogo che dovrebbe dare soprattutto serenità, è decisamente troppo – ndr), sia quello di Massimo e Sauerkirche (Posso però solo dire che in linea di principio non bisognerebbe MAI permettere che vinca la prepotenza. Di nessuno. E la tecnologia permette la perfetta identificazione di chi lascia messaggi, oltre alla possibilità di escludere (“bannare”) definitivamente chi fa del soppruso una propria regola di condotta. In questo senso, mi permetto di dissentire dalla scelta fatta – ndr). Mi auguro di poterli rileggere, ecco. E mi auguro che questo avvenga presto.
    Avanti, compadres, rimettete mano alla tastiera.

    Update. Mi secca, ma forse è bene che io usi pezzi di una mia mail privata per fare una precisazione, nella vana speranza che la toppa non sia peggiore del buco: non mi commuovo per la famiglia Traina; non mi vergogno, invece, di solidarizzare perchè, per quanto insulsi ed insopportabili siano Traina ed i suoi sodali, sono blogger come me. Mi pare che non ci sia bisogno di tirare in ballo Voltaire o chi diavolo era, per una solidarietà che, a ben vedere, è mossa dall’egoismo e non dalla compassione.

    Molto onorato

    Filed under: — JE6 @ 09:09

    The Oxford English Dictionary defines intellectualism as the “doctrine that knowledge is wholly or mainly derived from pure reason” and it follows by saying that an intellectual is a “person possessing a good understanding, enlightened person”.
    Surely, therefore, this definition is the reason for your selection to be included in this prestigious publication which is due for release in late 2004: 2000 outstanding intellectuals of the 21st century.

    Gente, la mia giornata ha acquistato un senso.
    International Biographical Centre