< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • July 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/07/2007

    Per una birra o due

    Filed under: — JE6 @ 08:59

    Credo di aver visto Pros per l’ultima volta al BlogRodeo di Rozzano, in mezzo a qualche centinaio di scribacchini convenuti da tutta Italia (sul serio: c’erano gli indigeni, e i veneti, e gli emiliani, e i sardi, e i romani, e i campani, e i toscani, e i piemontesi, e i pugliesi) per bere birra e ascoltare musica, ai tempi in cui agli happy hour ci si presentava prima con il nick e poi con il nome, si discuteva di Fuffa (si noti la maiuscola, please) e non si erano ancora pubblicati libri.
    Poi si sa come vanno le cose, capitano fatti più o meno (s)piacevoli, si decide o si è costretti a decidere di dedicare tempo ad altro – insomma, si vive; e vivendo capita di recuperare, in modo inaspettato, pezzi di passato: un’agenda, un cellulare, vecchi nomi. Così può venire voglia di rivedere persone non ancora dimenticate, o che non si incontrano da molto tempo, giusto per una birra o due: a me, sinceramente, l’idea non dispiace.
    Macchianera

    Leave a Reply