< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • April 2013
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    2930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    01/04/2013

    Greetings from Beijing – Fiori

    Filed under: — JE6 @ 10:30

    Sono passati trentasei anni dalla morte del “Quattro volte grande”. Di lui si è detto tutto, e certamente tutto il peggio che si poteva dire: la follia della Rivoluzione Culturale, le carestie, le decine di milioni di morti a causa delle sue politiche (e dei più realisti del re: che ci sono sempre, e sono sempre i più pericolosi). Eppure la sua enorme fotografia sta lì, all’ingresso della Città Proibita, la casa degli imperatori. Eppure ogni mattina per quattro ore c’è un flusso costante di persone che si dispone su due file per poter vedere per pochi secondi il suo corpo nella teca di cristallo, vestito con l’uniforme verde e coperto dalla bandiera rossa, e tante di queste persone spendono tre yuan per comprare un fiore bianco da lasciare in omaggio una volta entrati nella prima grande sala, quella con la sua statua di marmo bianco, lui seduto con la gamba destra accavallata sulla sinistra e lo sguardo placido e duro di chi conosce il proprio potere. Trentasei anni sono un’eternità, in trentasei anni la Cina è diventata quel che abbiamo sotto gli occhi e il mondo intero è un’altra cosa; ciò nonostante siamo andati in piazza Tian’anmen, ci siamo messi in coda, chi l’aveva si è tolto il cappello, abbiamo comprato e lasciato il fiore bianco: avendo la sensazione che essendo qui fosse una cosa da fare, e tenendo il dubbio di esserci divertiti ad adorare il male per il gusto di poterlo dire agli amici. Questo, noi occidentali. Ma loro?