< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Non è la fatica, è lo spreco
  • Cose
  • Always on
  • In famiglia
  • Sotto le stelle del Messico a emigrar
  • The Game
  • La casa vuota della sinistra
  • Ci serve comunque un motivo
  • I’ll see you on the dark side of the moon
  • Noi e loro
  • February 2004
    M T W T F S S
    « Jan   Mar »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/02/2004

    Pizzaballa, due cili…

    Filed under: — JE6 @ 23:08

    Pizzaballa, due cilindri e cinque birilli
    Ovvero, come ho conosciuto Herr Effe.
    “La stai ancora cercando, quella figurina?” mi fa la voce al telefono. Nessuna inflessione, non saprei nè riconoscerla nè descriverla.
    “Certo” rispondo, con un leggero tremito nella voce. E’ così tanto tempo che la cerco. “Dimmi cosa devo fare per averla, e lo farò”.
    “Presentati a questo indirizzo di Torino che sto per darti. Domani, alle cinque del pomeriggio. Devi solo fare questo”.
    Non passa mai il tempo, quando attendi che si esaudisca un desiderio. E comunque, alle cinque del pomeriggio, sono lì, in una anonima via della periferia torinese. Non c’è anima viva, tranne un uomo alto e snello, vestito di nero, appoggiato ad un Suzuki 800.
    Nel silenzio di questo luogo dimenticato da Dio, mi fa un cenno, imponendomi di seguirlo. Mi affanno per obbedire al comando, gettando in macchina giaccone e computer, e mi accodo alla bicilindrica. Noto, con stupore pari allo sgomento, che l’osceno traffico metropolitano lascia spazio alla mia guida, aprendosi davanti a lui come le acque del Mar Rosso.
    Dopo qualche minuto, mi viene fatto un nuovo cenno, che mi impone di accostare. Parcheggio, e capisco che devo scendere dalla macchina. La mia guida è lì ad attendermi, e, sempre in silenzio, mi porge un casco che ha estratto da una delle borse che adornano il suo mezzo. Indosso il casco, e monto in sella alle sue spalle, cingendogli la vita preso da un timore innominabile.
    La sua guida è sicura e calma: non uno scossone, non uno scarto. Come per incanto, in un dedalo di vie tutte uguali e tutte colme di vetture più o meno sgasanti, un automobilista gli lascia posto per parcheggiare proprio di fronte a quella che intuisco essere la nostra destinazione finale. Una sala da bowling.
    Entriamo, io alle sue spalle che cerco di tenerne il passo, lui con ancora il casco calcato sul viso.
    Qualche scalino, una ventina di passi, e poi un nuovo cenno silenzioso: vai da quella parte. Obbedisco: posso fare altro? E poi, c’è quella figurina che mi aspetta.
    Seguo la direzione indicatami dall’uomo in nero. Biliardi. Una decina da “125”, la carambola americana. E tre tavoli da cinque birilli: grandi, verdi, lisci. Sul tavolo più lontano ci sono già i birilli pronti, due stecche appoggiate sulle sponde lunghe, le tre biglie disposte per l’acchito. Mi avvicino, mi tolgo il giaccone, e mentre inizio a passare il gesso sulla punta di una delle due stecche, sento arrivarmi alle spalle la voce che ho sentito al telefono.
    “Bionda o rossa?” mi chiede. Con la fronte leggermente imperlata di sudore, mi giro su me stesso. Ha tolto il casco, ed anche il giubbotto da motociclista. Non so perchè, ma non sono sorpreso nel vederlo; è come se lo conoscessi già, questo David Niven che mi chiede di scegliere tra le due birre che tiene in mano.
    Scelgo la bionda, ed inizio una partita senza punteggio, densa di silenzio, di occhiate e di buoni colpi. Il tempo passa, sono indeciso se telefonare a mia moglie e dirle che farò tardi, più tardi del previsto.Ma il mio attore inglese, senza preavviso, ripone la stecca mentre io sono chino a studiare un tre sponde. Con una mossa rapida, le sue mani da pianista portano alla luce un pacchetto blu, e me lo porgono con una sorta di imperiosa cortesia.
    “E’ per me?” balbetto. Mi rendo conto subito che la domanda è stupida, ma David Niven non mostra fastidio nel sentirla. Un altro cenno con la testa, ad impormi di aprire senza perdere altro tempo.
    Scarto ansiosamente. Un libro. Adelphi. Pessoa.
    “… Grazie, non ho mai letto nulla di quest’uomo, è davvero un bel pensier…”
    “Aprilo. Pagina 187”
    Sì, certo, subito, pagina centoottantasette. Una figurina. Un calciatore, con la maglia granata, un piccolo toro bianco all’altezza del cuore. La scritta dice solo “Pizzaballa”. E’ lei.
    Guardo la faccia del giocatore ritratto, alzo il viso e guardo il mio David Niven, riabbasso lo sguardo sulla figurina: la stessa persona.
    “Non te lo faccio, l’autografo. Tu non mi hai mai visto, ci siamo capiti? Hai la tua figurina, e questo ti deve bastare”.
    Annuisco, basito. Vorrei balbettare almeno un grazie, ma la sua voce tranquilla e ferma mi anticipa.
    “E adesso, vai alla cassa. Quaranta minuti, saranno sei euro”.

    18 Responses to “Pizzaballa, due cili…”

    1. utente anonimo Says:

      Questi sono i miei tesori.(s’allontana ancheggiando commossa)

    2. Zu Says:

      Roba da farci un film, se non fosse impossibile: sappiamo che Herr Effe impressiona noi (favorevolmente) ma non la pellicola.

    3. lester Says:

      Cioè Effe è Pizzaballa? E spaccia le sue figurine al mercato nero? Questa è la notizia più sconvolgente da quando Giuseppe Genna ha detto di essere Melissa P.!

    4. personalitaconfusa Says:

      Effe è David Niven??

    5. sphera Says:

      O David Niven è Effe?

    6. utente anonimo Says:

      Se Effe è Pizzaballa tu chi sei? E chi è David Niven (Effe immagino che non possa essere entrambi). O forse Effe è il baraccone di moto che hai descritto, o il tavolo di biliardo, o le stecche, o le tre palle (quindi uno e trino ma pallino)? O Effe è il Grande Tutto Cosmico? Allora noi chi siamo?
      Bello iniziare un lunedì con le grandi domande di sempre!

    7. riccionascosto Says:

      Ho sempre amato moltissimo David Niven; uno dei rari, veri, colti gentelman del cinema: credo Squonk che il tuo paragone sia proprio azzeccato, sai?

    8. Effe Says:

      Meravigliosi… cinema e biliardo, ricordi e flashback. Quasi quasi, avrei voluto essere una mosca….

    9. jorma Says:

      Lei ha ragione: Herzog – Moses – Mar Rosso.
      Tout se tiens.

    10. Effe Says:

      Ma giocava col casco?

    11. sphera Says:

      Non sono neppure sceso dal bicilindrico

    12. riccionascosto Says:

      Nemmeno spento il motore?

    13. Effe Says:

      Pssst mi dicono dalla regia che la maglia avrebbe dovuto essere nerazzurra (Atalanta, non Inter). Tuttalpiù, nera. Fossi in lei, la farei controllare da un perito, quella figurina… non si sa mai!

    14. riccionascosto Says:

      Sottigliezze

    15. utente anonimo Says:

      Ai fini del racconto, vero. Anzi, così mi commuove di più

    16. gtraina Says:

      🙂

    17. utente anonimo Says:

      disinformazione, disinformazione.

    18. Anonymous Says:

      No, ecco, il mio immaginario, ultimamente, sta facendo cilecca su tutti i fronti.
      Mi sento stordita.

    Leave a Reply