< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • February 2004
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/02/2004

    Toys’r’hell

    Filed under: — JE6 @ 22:31

    Sette di sera, nel reparto giocattoli di un qualsiasi centro commerciale.
    Due uomini, di età compresa tra i trentacinque ed i quarant’anni, pendolano davanti allo scaffale dei peluches.
    Il primo deve cercare Tippete, il secondo Pimpi. Sia l’uno che l’altro hanno solo una pallida idea della foggia, del colore e del genere animale dell’oggetto della loro ricerca.
    Di fronte a loro si staglia una impressionante muraglia di nani, bianchenevi, hamtari, uinnidepu. Frugano nella memoria, alla ricerca di un dettaglio decisivo, che permetta di identificare con certezza Tippete l’uno, e Pimpi l’altro.
    Un filo di sudore imperla la fronte del primo, le mani del secondo affondano nelle tasche del giubbotto, a nascondere il tremolio nervoso. A casa c’è qualcuno che aspetta, qualcuno che non perdonerebbe l’errore, qualcuno che darebbe in escandescenze per un coniglio (o era un maiale?) scambiato per un asino (o era un orso?).
    I due si incrociano, si sfiorano, hanno – per un istante – la tentazione di fermarsi e confidarsi e cercare un conforto, o almeno uno che sappia che cazzo di faccia ha quel fottuto bastardo di Pimpi (o era Tippete?).
    Ma resistono, vogliono farcela, frugano tra Eolo e Mammolo, nel caso che il ricercato sia nascosto in fondo allo scaffale.
    Una voce metallica annuncia che tra cinque minuti il centro commerciale chiuderà, invita i signori clienti ad avvicinarsi all’uscita. Ecco, ce l’hanno fatta. Il primo non ha trovato Pimpi, il secondo non ha rintracciato Tippete. Ma entrambi hanno scampato il rischio di un acquisto sbagliato.
    “Tesoro, ti assicuro, ce ne saranno stati duecento, di peluches; ma nemmeno l’ombra di Pimpi”.
    “Coglione, dovevi cercare Tippete”.

    15 Responses to “Toys’r’hell”

    1. riccionascosto Says:

      Una bella ricerca su Google, prima di uscire no, eh? Giusto per rinfrescarsi le idee…

    2. EmmeBi Says:

      Vabbè, però Tippete era facile, c’era già al loro tempo.

    3. jorma Says:

      Nel dubbio io avrei ripiegato su Mammomolo!

    4. sphera Says:

      Sono entrambi personaggi schivi: racconti che si erano nascosti.

    5. Squonk Says:

      E lei come fa a saperlo? Perchè è vero, sa?

    6. marquant Says:

      Se ci ritorna (e qualcosa mi dice che ci ritornerà) mi compra la Magica Trilly modello Woodoo?

    7. Aileen Says:

      Non hai specificato chi siano i destinatari degli acquisti, ma supponendo che siano dei bambini suggerisco di spedirci la mamma a cercare Tippete e Pimpi

    8. Squonk Says:

      Cara Aileen, lei la fa troppo semplice, mi creda.

    9. riccionascosto Says:

      Pimpi (chiamato però Piglet, per rendere l’identificazione più difficile) fece la sua comparsa a casa di mio fratello proveniente dalla perfida Albione (mai così perfida, invero). Quando si premeva il pancino iniziava a cantare una canzoncina, e a ridere. Ha notato come le batterie dei giocattoli tendono a diventare pressochè inesauribili, quando collegate a giocattoli “chiacchierini”? Sembrano autoricaricabili, quasi (non così i nervi degli adulti coinvolti, devo dire).
      I miei nipoti, comunque, commissionano Kango e Roo (insieme, ovviamente) e varie incarnazioni di Paperina & Co (per completare la collezione). Ammetto che è più facile.

    10. Gilgamesh Says:

      Piglet è il nome originale del maialino, nei racconti di Winnie the Pooh.
      Ed è anche il protagonista del bellissimo “The Te of Piglet”, il seguito del delizioso “The Tao of Pooh” (..the tao of Who?) che se non avete letto, dovreste leggere.
      Non trovando Tippete, poteva comunque ripiegare su Tamburino (ops, stavo per mettere uno smiley, l’ho cancellato appena in tempo).

    11. Squonk Says:

      Tamburino? Ma di che parlate, santiddio?

    12. riccionascosto Says:

      Di conigli, Sir… di cosa, sennò?
      Però, Uomo dalle Mille Lingue, se il Sir non è in grado di distinguere Tippete da Tamburino avrà le sue buone ragioni (credo che qui ci andrebbe lo stesso smiley che stava lasciando Lei… scommettiamo?). Certo, in alternativa, meglio Tamburino che Tappo…

    13. sphera Says:

      Intanto che si fa una cultura su conigli e maialini, vada avanti con la faccenda che si son nascosti. Se la gestisce bene può imbastire una storia che dura parecchie puntate.

    14. condonato Says:

      Potrebbe essere una buona base di partenza per scrivere il programma politico del Triciclo…

    15. sooshee Says:

      Non vorrei dirlo ma non sapere chi sia Tippete è grave anzichenò!
      Tippete era il meraviglioso coniglio amico di Bambi.Per me indimenticabile insieme alla puzzola Fiorellino. Ora chi sia questo diavolo di Pimpi, lo ignoro onestamente, ma ieri per motivi lavorativi ho avuto a che fare con un carico di migliaia di Bratz. Se dovesse servirle suggerimento in merito, non esiti a chiedere. Oramai so tutto.

    Leave a Reply