< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • February 2004
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/02/2004

    R.I.P.

    Filed under: — JE6 @ 10:18

    Credo che capiti a tutti di dire o pensare “ma tu guarda che morte stupida, che modo idiota di lasciarci le penne”.
    E’ esattamente quello che ho pensato leggendo di questa donna tedesca che si è schiantata contro un gatto delle nevi, una cosa a metà tra un cartone dei Looney Tunes ed il Secondo Tragico Fantozzi.
    E poi, mi sono vergognato un po’.

    10 Responses to “R.I.P.”

    1. oppiodeipopoli Says:

      Ogni anno viene assegnato il Premio Charles Darwin, riconoscimento postumo alla persona o alle persone morte nel modo più straordinariamente stupido.

      http://www.darwinawards.com/

    2. Effe Says:

      Ridetene pèure, ma è una vera tragedia, essere allergici ai gatti

    3. papi Says:

      Il mio gatto tedesco è caduto dal balcone e si è schiantato su una donna delle nevi appena arrivata dal Tibet …Ok, ok, non è vera ma … che vergogna.

    4. papi Says:

      Purtroppo gli incidenti come quello della donna tedesca, morta schiantandosi contro un gatto delle nevi, sono relativamente frequenti. Sembrerebbero meno strani e surreali se il gatto delle nevi avesse un altro nome (come schiaccianeve et similia). Mi scuso per la vergognosa/ignobile battuta precedente. Purtroppo i famigerati “gatti delle nevi” hanno provocato anche la morte di un caro amico (maestro di sci) e il ferimento di altri conoscenti più fortunati. Continuerò a leggere Squonk, Confuso, Herzog, che ringrazio, ma è meglio che io non posti più. By.

    5. Squonk Says:

      Via, qui si ha gran tradizione di facezie non sempre di buon livello.
      Non si mortifichi, e scriva pure. Ci si conta (e lascio spazio al doppio senso).

    6. Effe Says:

      Fratello Papi, dopo l’atto di contrizione e le cento avemarie di prammatica, posti soltanto un commento, e il suo nick sarà salvato.

    7. papi Says:

      Cari Squonk e Effe vi ringrazio per l’assoluzione. Vi rinnovo la mia stima e i ringraziamenti per i vostri blog divertenti. Ho biascicato devote e pentite giaculatorie ma Mimmo mi ha fatto promettere che mi asterrò dai commenti. Son cose.

    8. Squonk Says:

      Son cose? Dov’è che l’ho già sentita?

    9. papi Says:

      Signor Squonk, lei vuole indurmi a peccare.
      Perciocchè niun dolore è pari a quello, a chi conoscimento ha, che è d’aver il tempo perduto. (Decameron, V,X)

    10. Lo Trovassi Says:

      Gli incidenti fanno ridere e piangere insieme. Un po’ come tutto il resto, insomma. Per spiegazioni, bisogna attendere un tu x tu con Mimmo, e allora fioccheranno le domande, e speriamo anche le risposte.

    Leave a Reply