< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • April 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/04/2007

    Due libri e una capanna

    Filed under: — JE6 @ 09:34

    Una coppia non può condividere proprio tutto. Ieri sera, nell’aeroporto di Madrid, avevo a fianco una thirty-something che, sbellicandosi, leggeva al suo sciagurato accompagnatore (stessa apparente età) lunghissimi brani di “I love shopping per il baby” [1]; questo ha dapprima abbozzato un sorriso di cortesia, poi – via via che il reading prendeva piede e volume – ha serrato labbra e mascelle fino a diventare il ritratto vivente del Dottor Mengele. Al che lei ha diminuito di una tacca ilarità ed entusiasmo, gli ha chiesto “carino, vero?“, e di fronte agli occhi del suo interlocutore ormai iniettati di sangue si è ritirata nel silenzio.
    Unilibro
    [1] Non c’erano babies al seguito, per la cronaca.

    2 Responses to “Due libri e una capanna”

    1. laflauta Says:

      Avevo un moroso che mi leggeva entusiasta lunghissimi brani di Stephen King, prima di dormire. Come anticopulante era perfetto.

    2. glider Says:

      vedi che tutta la diffidenza ed il sarcasmo spesi a piene mani contro i metodi naturali alla fine erano spesi male?
      un spesso libro costa meno di una confezione di anticoncezionali
      non ha controindicazioni
      non si rompe sul più bello (vabbè, lo devi proprio scaraventare eh ma pure in quel caso, come arma contundente non perde la sua efficacia)
      può essere riutilizzato più e più volte
      può essere scambiato ed utilizzato da persone diverse senza alcuna precauzione o profilassi

      no dico, devo continuare?
      è molto meglio, dai.
      non si può che convenire.

    Leave a Reply