< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • April 2007
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/04/2007

    Melting pot

    Filed under: — JE6 @ 09:01

    Ieri pomeriggio, attraversando Piazza Duomo [1], mia moglie serenamente notava: “Fa stranezza, sentir parlare italiano”. Pochi minuti dopo, al termine di Via Dante [2], ci siamo trovati di fronte a un gazebo della Lega, che pompava a manetta “Corazon Espinado” e sul quale campeggiava il fantastico striscione “Umberto, Milan te voeur ben”.
    [1] Quello della Madonnina
    [2] Sempre Milano, sì.

    2 Responses to “Melting pot”

    1. Noantri Says:

      Sono cose che commuovono.
      Qualche giorno fa sono passato, a Roma, davanti a un gazebo di Forza Italia. Allora, giuro non sono cose da me, non so cosa mi abbia preso, non sono nemmeno a tal punto ideologista, comunque mi sono avvicinato con la macchina, ho abbassato il finestrino e ho fatto loro una sonora pernacchia.

      Mentre mi asciugavo le labbra col dorso della mano, mi sono chiesto da quanto tempo non facessi una vera pernacchia. Ecco, scusa l’outing: cercavo una qualunque scusa per vomitarlo fuori.
      [Ste]

    2. Squonk Says:

      Mi ritrovo con inquietudine in questo ruolo di tenutario della posta del cuore (quante altre volte, figliolo? Solo questa? Assolto, allora).

    Leave a Reply