< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • September 2007
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/09/2007

    Grandi vecchi

    Filed under: — JE6 @ 13:22

    Nel 1978 avevo dodici anni, e di Enzo Bearzot non avevo mai sentito parlare: non era un grande nome, di quelli che venivano spinti dal lustro dei grandi club che avevano allenato in passato – come poi sarebbe successo con commissari tecnici di fama pari all’ingaggio percepito. Però, celebrità o non celebrità, l’uomo doveva essere capace, se la nazionale italiana di calcio fu in grado non solo di dare spettacolo, ma anche di ritornare a risultati che da parecchio tempo non raggiungeva. Di Bearzot ho un ricordo strano, con il suo volto che si sovrappone e si confonde con quello di Pertini, il Pertini che rideva e rideva in tribuna mentre l’Italia vinceva un campionato mondiale tanto bello quanto bislacco e perciò indimenticabile. Persone serie nel senso migliore del termine, persone che oggi si fa una dannata fatica a trovare, e ancor maggior fatica a premiare nell’unico modo sensato: dando loro responsabilità e fidandosi, sapendo che quella fiducia – quale che sia il risultato ottenuto – non è stata data invano.
    Repubblica.it

    One Response to “Grandi vecchi”

    1. domenico Says:

      mi sono emozionato leggendo quell’intervista

    Leave a Reply