< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • September 2007
    M T W T F S S
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/09/2007

    Pendolo

    Filed under: — JE6 @ 12:39

    Non so se capita anche a voi: a me succede sempre più frequentemente di trovarmi nell’imbarazzo di dare un giudizio su questo o quel fatto perchè qualunque giudizio mi sembra sbagliato. Faccio un esempio il più possibile innocuo (ah, beata ingenuità: si parla di calcio): Walter Novellino, allenatore del Torino, non ce l’ha fatta a stare distante dai suoi giocatori. Per incontrarli negli spogliatoi del Parma, ieri sera Novellino si è nascosto dentro la cesta della biancheria sporca ma un giudice sportivo l’ha sorpreso e multato di 10 mila euro”. Premesso che si tratta di una scemenza, la mia prima reazione è quella di farmi una risata, perchè l’idea di uno stagionato signore che si ficca in una cesta di biancheria mi pare degna di un film di Louis De Funes, o di Alvaro Vitali; però poi mi pare di sottovalutare la faccenda, e penso che bisognerebbe essere severi – il giusto – anche con chi usa i mezzucci che il caso gli mette fra le mani; però poi mi pare di esagerare, mi dico che i problemi sono altri, che in fondo Novellino stava forse solamente provando a fare il suo lavoro nel migliore dei modi, che non voglio diventare uno alla “gli è tutto sbagliato, gli è tutto da rifare”; e insomma, posso andare avanti così ad libitum sfumando – e mi sa che nel mio piccolissimo sono una fotografia fedele del paese nel quale vivo (meglio, il paese nel quale vivo è una fotografia fedele del sottoscritto, sia detto con la dovuta modestia).
    Repubblica.it

    7 Responses to “Pendolo”

    1. Massimo Says:

      A me ha fatto ridere. Poi ho pensato che Novellino è un allenatore da Torino (nel senso buono del termine, s’intende)

    2. Michele B. Says:

      a volte si potrebbe evitare di giudicare , tant’è che nel caso che hai citato c’è gente apposta per giudicare casi simili. La domanda è: ho un dubbio nel giudizio? Approfondisco l’argomento(valuto più punti di vista , più informazioni). Non mi va di approfondire? Il fatto non merita un giudizio. I due stereotipi (signornò e sonoaltriiproblemi) non sono estremi di un metodo di giudicare ma sono formule fatte per zombie con la risposta pronta.

    3. diamonds Says:

      insieme al calcione che quell’allenatore a dato al collega(ebbene si,non seguo più assiduamente il calcio.Lo sbattere 50 radioline al muro alla fine ha fatto di me un granata bricoleur),questo è un episodio che ci riporta al calcio ruspante che tanto ci faceva divertire

    4. leo Says:

      Il calcio rende bambini. Calciatori e tifosi, figuriamoci gli allenatori (e non parliamo dei dirigenti). E come i bambini, finchè non si è beccati con le dita nella marmellata, tutto è lecito, furbo e divertente. E fin qui tutto bene, arricchisce l’anedottistica, il mito ed il divertimento. Il vero problema è che, come i bambini, qualunque sia la punizione, non la si accetta mai: è sempre “esagerata”. Che sia la squalifica per il calcio al collega, o la squalifica del campo per una bottiglietta tirata ad una persona in campo…

    5. Barbara Says:

      La penso esattamente come te, Squonk.
      E mi sento meno sola, Fratello !

    6. silviù Says:

      Ai bei tempi di Cuore (ah, i bei tempi andati…) una cosa del genere sarebbe finita nella mitica (ah, le mitiche di una volta…) rubrica “CHI SE NE FREGA”. Senza offesa, sia ben chiaro… Comunque Pertini e Bearzot giocavano a scopa, con Zoff e Gentile, tornando da Madrid! Altra gente (ah, la gente di una volta…)

    7. gluca Says:

      io, con la politica, posso andare avanti per ore a rimuginare tra me e me. E poi ai pranzi bipolari non so mai dove stare.

    Leave a Reply