< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • May 2008
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/05/2008

    Lapide

    Filed under: — JE6 @ 12:38

    Tra ieri pomeriggio e questa mattina ho finito il trasloco dell’ufficio. Per la prima volta in vita mia, ho una pianta tra le quattro mura dove passo la gran parte delle mie ore da sveglio quando non sono in viaggio. E’ alta un par di metri, troneggia alle mie spalle e crea un’effetto-lapide che genera una inquietudine chiaramente riscontrabile sul volto di una delle mie commerciali, al quale – poveretta – ha la sfortuna di vedermi costantemente essendo posizionata proprio sul lato opposto del corridoio. Stessa azienda, nuovo lavoro, lapide. Ecco.

    6 Responses to “Lapide”

    1. kerub Says:

      “…Ma in compenso in quelle due ore salì vertiginosamente quasi tutti i gradini della gerarchia aziendale, anche a tre a tre.

      Impiegato di settima: scrivania in mogano, poltroncine in staglio finta pelle, telefono, pianta di Ficus, simbolo del potere.

      Impiegato di quinta: lampada di opalina, piano di cristallo, naif jugoslavo alla parete, due piante di Ficus.

      Impiegato di prima: quattro piante di Ficus, tre telefoni, dittafono, sei quadri naif, tappeto e moquette per terra.

      Era arrivato fino alla soglia della dirigenza, vale a dire: serra di piante di Ficus e poltrona in pelle umana, quando la fortuna voltò rovinosamente le spalle al Semenzara…”

    2. baldo Says:

      vedi che qualcuno la annaffi, altrimenti l’effetto “loculo abbandonato” non te lo toglie nessuno… 🙂
      Anch’io ho cambiato, ma con il caldo che c’è qua reggerebbe solo qualcosa di tropicale…

    3. caporale Says:

      kerub mi ha preceduto.

      vabbé, allora la butto sul personale: senza piantine in ufficio sarebbe un po’ peggio.

    4. farfintadiesseresani Says:

      Kerub ha già detto tutto quel che c’era da dire.

    5. ninna_r Says:

      Ma come fa una pianta a creare un effetto lapide?

    6. stee Says:

      la targa (avente funzione di orientare come stella polare gli ufficiali giudiziari con gli atti da notificare fino al mio studio),appena l’ho montata al muro nell’androne, m’ha dato quell’impressione. ci avrei voluto aggiungere un contenitore con ampolla monofiore, e un crisantemo di plastica dei cinesi.

    Leave a Reply