< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • June 2008
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    30  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    22/06/2008

    Stati Uniti, anni Cinquanta

    Filed under: — JE6 @ 12:29

    Penso che almeno d’estate dovrei cambiare letture (e forse non dovrei andare al mare, per dedicare meno tempo all’erudizione), darmi a Novella 2000 e alla Gazzetta. Invece finisco per cacciarmi a spulciare tra Einaudi nuovi venduti al 50%, e insomma mi ritrovo tra le mani libri che non solo mi parlano ma, peggio ancora, mi danno la sensazione di parlare di me – il che francamente non sta nella top ten dei miei desiderata attuali. Sta di fatto che sono qui a pagina 31 a chiedermi se sia il caso di proseguire, che ‘sto libro mi pare giri intorno alla faccenda di una parola che alberga nella testa del protagonista, e lui non solo non la vuole dire a voce alta – come Arthur Fonzarelli quando deve ammettere di aver sbagliato – ma ha persino paura di pensarla, gli viene la prima sillaba e poi distoglie la mente, la sposta su qualsiasi altra cosa; e per soprammercato ha anche il terrore che quella parola gliela possa dire un’altra persona, una alla quale tiene moltissimo, perchè se gliela dicesse darebbe un gran dolore a entrambi e nessuno dei due vuole che questo avvenga.
    Ora che ci ripenso, nelle prime 31 pagine non c’è nulla di tutto questo, e la mia è appunto solo una sensazione, la sensazione che questo dannato libro avrà dentro queste cose – mia suocera ha appoggiato sul tavolo un numero di “Confidenze” o qualcosa del genere e tutto sommato non dovrebbe essere una brutta alternativa.