< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • November 2007
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/11/2007

    Prima o poi lo faccio

    Filed under: — JE6 @ 13:33

    Ieri sera ho attraversato il terminal bus di Lampugnano, quello che sta a due passi dall’ingresso del PalaSharp. Mentre moglie e figlia si affrettavano verso la vetturetta parcheggiata a qualche centinaio di metri, mi sono fermato a guardare il tabellone degli orari delle partenze. Diversi pullman erano diretti in Calabria e uno andava a Torino; ma ce n’erano due affascinanti. Per il primo il tabellone dava come località di destinazione “Spagna”, e per il secondo “Ucraina”. Schiodandomi dall’osservazione del tabellone e degli astanti in sala d’aspetto, pensavo a questa vaghezza di indicazione, se era voluta o casuale, immaginavo questi autobus passare una frontiera e poi perdersi, o mettersi a vagare con l’autista che chiede ai passeggeri “allora, ditemi dove vi lascio così organizziamo il percorso”. Qualche tempo fa ho detto al 51% che mi piacerebbe prendermi tre-quattro giorni e farmi uno di questi viaggi, Milano-Bucarest-Sibiu, Kiev-Milano, spendere quegli ottanta euro e veder passare i panorami che da diecimila metri di altezza puoi solo immaginare. Ha scosso la testa, ma non dispero.

    Famiglie smarrite, famiglie immaginarie

    Filed under: — JE6 @ 12:34

    La mia famiglia di origine viene da un paesino arrampicato sulle colline del Goceano, una piccola area piuttosto vicina al centro geografico della Sardegna. Uno di quei paesi nei quali gli anziani parlano ancora un sardo antico miscelato allo spagnolo dei dominatori di qualche secolo fa, dove gli uomini facevano vita di campagna indossando pantaloni di fustagno e le donne vestivano lutti inesorabili e interminabili. La mia nonna materna uscì dal Goceano a cinquant’anni passati, e venne a trovare le figlie sposate a Milano e a Piacenza vedendo il mare che era un milione di volte più grande di quel rigagnolo che sua mamma e sua nonna le avevano sempre presentato come Su Riu Mannu, il fiume grande. Quando si trovò di fronte alla scala mobile che collegava la biglietteria ai binari della Stazione Centrale di Milano, proruppe in una risata omerica, lei che non rideva mai, e chiese a mia madre “e itt’este custa colora?” – cos’è questa biscia?
    Ho passato le prime diciassette estati della mia vita in Sardegna, un po’ sulle spiagge di Bosa Marina, un po’ al fresco sole del paese dei miei genitori, dei miei nonni e di sette degli otto bisnonni, parlando e ascoltando una lingua arcana e conoscendo cose che nessuno dei miei amici di Milano poteva conoscere. Mi sono sempre sentito milanese, a dispetto del cognome e dell’anemia mediterranea: e tale ero considerato persino dai miei familiari più stretti; e però, mi sono anche sempre sentito sardo, portando con me, qui all’ombra della Madonnina, una specie di sensazione e di affermazione di diversità, di misurato orgoglio.
    Oggi, che per i casi della vita non metto piede in Sardegna da quindici anni e ho visto cose e paesi che non sarei stato in grado di raccontare a nonna Marianna e a nonna Enrichetta, leggo questo post di Lorenza, alla quale rubo il titolo: e leggendolo non provo soltanto il piacevole stupore di sapere che non saremo parenti ma di sicuro il suo bisnonno conosceva i miei, centotrenta o centoquaranta anni fa, ma anche una sottile nostalgia di radici. Poi penso che sono contento del fatto che mia figlia abbia due nonni sardi, una nonna friulana e un nonno milanese, penso che sono contento di trovarmi a casa – o, se non altro, di non sentirmi estraneo – sull’Unter den Linden a Berlino o in Wabash a Chicago, penso che guardo con inquietudine alle fotografie in bianco e nero che raccontano quanto dura, dignitosamente dura, fosse la vita dei miei nonni e dei miei genitori quando avevano l’età che ha oggi la loro nipote, e che quando le ho davanti sono tanto curioso quanto imbarazzato. Ieri sera ho chiesto a mia mamma di attivare la cugina ricercatrice per spulciare gli archivi parrocchiali e capire se attraverso il blog ho trovato una lontanissima e inattesa parente a Piombino; ma al tempo stesso non vedo l’ora di vedere com’è fatta Ljubljana. Dicono che la modernità sia anche questa, e non mi resta che prenderne atto.
    Contaminazioni