< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • March 2004
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/03/2004

    Greetings from London – Nine

    Filed under: — JE6 @ 23:51

    Le fiere sono un non-luogo dell’anima. Uno spettacolo, più o meno rutilante, dove tutti si devono far notare, dove tutti hanno abiti i più eleganti o i più sgargianti, dove tutti sorridono e offrono caffè, dove tutti parlano e parlano e parlano anche quando sembra che ascoltino, dove tutti prendono appunti interessati, dove tutti aspettano con ansia le sei di sera per correre in albergo, sgonfiarsi i piedi, cambiarsi ed andare in un pub, od in un buon ristorante, dove tutti maledicono la mancanza dei canali di casa, e per consolarsi girano su adultchannel.
    Ma poi, capita che giri l’angolo, e trovi qualcuno che dovrebbe essere un tuo cliente, od un tuo fornitore, che dovrebbe recitare la sua parte, e invece sorride, ti viene incontro, ti stringe la mano, magari ti abbraccia, e non ti parla di lavoro, e capisci che, anche se ben nascosta, c’è un anima anche in questi padiglioni.

    One Response to “Greetings from London – Nine”

    1. Effe Says:

      Sono gli scomparsi per lupara bianca cementificati dentro ai piloni

    Leave a Reply