< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Rinnovi
  • Farsene un’idea
  • Progresso
  • Distinguo
  • Magia
  • Lontano da dove
  • Ciò che siamo
  • Niente resterà impunito
  • Gli uni agli altri
  • Il giorno dopo Ferragosto
  • March 2004
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/03/2004

    Ragnatele

    Filed under: — JE6 @ 17:58

    Mi rendo conto che tra i miei bookmark resiste, intatto ed immotivato, quello di Quinto Stato.

    Quattro post nel delirio

    Filed under: — JE6 @ 17:56

    Frase carpita pochi secondi fa: questa sera devo vedere della gente, e non ho avuto tempo di leggere i loro blog.

    Messaggio in codice

    Filed under: — JE6 @ 14:56

    Non so chi sei, o pinguino visitatore. Ma l’idea che tu scruti i cieli da un nuraghe mi commuove. E ti saluto con affetto.

    Ad un passo dalla meta

    Filed under: — JE6 @ 13:05

    Non importa quello che hai nel carrello, o in mano.
    E’ proprio quello che dovevi comprare. Una camicia, un giubbotto, un pigiama – che tu non sei di quelli che dormono vestiti di solo Chanel, tu assomigli a Tony Soprano, piuttosto – avevi un obiettivo e l’hai raggiunto.
    Ora devi solo arrivare alla cassa, presentare il tuo oggetto del desiderio, e lasciar fare alla carta di credito il suo sporco e benedetto lavoro.
    Ma hai una signora davanti a te, nella coda. Sei spacciato.
    Perchè, in quei due minuti che la signora ed il cassiere impiegano a sbrigare le loro faccende, tu fai girare gli occhi. A destra, a sinistra, fino a quando incontrano quei due guanti. Guanti, sì, ma del tutto speciali.
    I due elementi del paio hanno diversa dimensione. Uno è da adulto, e l’altro da bambino. Uno sta nel palmo dell’altro.
    E poi.
    Sono gialli, di un giallo forte e caldo, come quello delle tue Converse Weapon. E sulla punta di ciascun dito, altri colori: nero, ed un bell’arancione, a creare delle facce di pennuti ridenti. Come quelli che vedi ogni sera, seduto sul divano, in dolce compagnia.
    Ti chiamano, i guanti ed i pennuti. Ti dicono “Amico, aspettavamo proprio te. Compraci, facci cadere nel sacchetto insieme al tuo pigiama, facci riemergere dall’oblio davanti al radioso sorriso di una bambina, donaci una vita nella tua vasca da bagno”.
    A dispetto della tua esperienza, del tuo cinismo, degli esami all’università, cedi al richiamo. La signora si sposta, si dirige verso l’uscita, ed ora i guanti ed i pennuti sono lì, sul bancone, insieme al pigiama ed alla carta di credito.
    E tu, adesso, stai bene. Sorridi, come i pennuti, e ti senti leggero, proprio come loro. Ed il tuo conto in banca.