< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • March 2004
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    10/03/2004

    Abitudine, la tomba della passione

    Filed under: — JE6 @ 17:01

    Unfortunately I think that – for the most part – the longer people are involved in the industry the more jaded they become toward so-called normal sex, and they resort to outdoing each other with playground-style dares. There’s a number of highly successful companies out there that don’t play that game – they just focus on creating hot porn without employing the use of tire irons or garbage cans or whatever else people try to stick in various orifices.
    Ora, se queste cose le dice Willy Pasini va tutto bene, ma se le scrive Carly no?
    Daily Grind

    Un blogger per amico

    Filed under: — JE6 @ 16:17

    A testimonianza dell’assunto in base al quale “non tutti gli insulti sono uguali“, il blog-manager di Squonk rivela di essere in possesso di un tovagliolo di carta giallo, sul quale sono vergate, con mano ferma e calligrafia ben leggibile, queste immortali parole: “Caro Squonk, vai a cagare! Carlo“.
    La reliquia viene conservata nel portafogli del blog-manager di Squonk, insieme alle sue cose più care: la foto della figlia, la patente formato carta di credito, la carta di credito medesima, cinque francobolli inglesi.
    Monsieur Strel’: io attendo. Lei sa già dove andrà a finire.

    La passeggera

    Filed under: — JE6 @ 12:40

    Lo vedi in lontananza, il maledetto semaforo che governa l’incrocio sulla statale del Sempione. Non si muove, non si avvicina, ed è sempre rosso.
    Allora, volente o nolente, hai tutto il tempo di guardare nell’abitacolo di chi si trova nelle tue stesse condizioni, solo sulla corsia opposta, impegnato nel vano tentativo di raggiungere il ponte di Mazzo di Rho.
    E tutte le sere, immancabile come la morte, la vedi. La Passeggera. E’ una signora di età compresa tra i trentacinque ed i sessant’anni, seduta sul lato destro della cabina di un camion, o di un furgone di grosse dimensioni. Ha lo sguardo indurito dalla fatica e dalla stupidità della situazione, della quale si rende perfettamente conto pur senza conoscere gli immortali versi packed like lemmings into shiny metal boxes.
    Guarda avanti a sè, in silenzio, mentre l’uomo che sta al volante – il marito, si suppone, anche se è uno di quelli che rifiuta di portare la fede all’anulare, non sia mai che trovi una donna delle pulizie da ingroppare nell’angolo oscuro e polveroso di un magazzino carta – bestemmia, tambureggia nervoso sulla plancia del cruscotto, e fuma una sigaretta improbabile e senza filtro.
    Lei sta lì, chiusa nel suo piumino che ha conosciuto tempi migliori, divisa tra il tentativo di godersi la forzata inattività e la consapevolezza della cena ancora da inventare. A volte, tra lei e l’uomo che bestemmia e fuma e tambureggia, sta un bambino di sei, sette anni, i capelli di fil di ferro e gli occhi stirati, sul cui viso l’incongruità della scena non ha cancellato la capacità della sua immaginazione di renderlo il primo mozzo, là sulla tolda, al fianco del capitano.
    Il semaforo, per pochi, quasi impercettibili secondi, mostra un pallido verde che permette alla fila dei lemming di muoversi in avanti di qualche metro.
    Perdi di vista la Passeggera. Ma sai che domani, alla stessa ora, sarà lì, con lo sguardo fisso verso il ponte e la cena da inventare.