< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Rinnovi
  • Farsene un’idea
  • Progresso
  • Distinguo
  • Magia
  • Lontano da dove
  • Ciò che siamo
  • Niente resterà impunito
  • Gli uni agli altri
  • Il giorno dopo Ferragosto
  • March 2004
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/03/2004

    Casa mia

    Filed under: — JE6 @ 12:59

    Dicono che le bombe le hanno messe quelli dell’ETA. Magari non è vero, ma, dati i precedenti, la cosa suona credibile. I separatisti baschi, li chiamano.
    Non ne ho mai conosciuto uno, ma ho incontrato più di un esemplare italico, di questa genie che ti disprezza in virtù del tuo luogo di nascita.
    Ne ho incontrati in Alto Adige, durante gli splendidi undici mesi del servizio militare; erano (e sono ancora) quelli che si rifiutano di darti una birra perchè non gliela chiedi in tedesco, quelli che leggono Dolomiten e ti rigano la macchina se non è targata Bozen, quelli che godono degli sgravi fiscali e tirano le molotov contro le caserme dell’esercito invasore.
    Ne ho incontrati in Sardegna, erano (e sono) quelli che si riempiono la bocca di Sardigna libera, che ti disprezzano perchè sei un continentale, che disprezzano i tuoi genitori perchè per trovare un lavoro hanno lasciato la loro terra e lì tornano solo per le ferie e per andare a mettere un fiore sulla tomba del padre e della madre, quelli che ti dovresti vergognare del tuo accento, con il cognome che porti.
    Ne vedo anche in televisione, mi tocca leggerne sui giornali, quelli che la padania qui e la republicadevenesia là, e affanculo voi, i vostri dogi, il vostro diopo, i vostri nuraghe, i vostri masi.
    Liza, mi perdoni. Di Fortza Paris, magari, se ne parla un’altra volta.

    Si può?

    Filed under: — JE6 @ 11:23

    Mi scrive un’amica da Madrid: non possiamo vivere in pace anche se non ci piace il sistema politico, dobbiamo per forza uccidere e dare dolore? Cos’hanno nella testa e nel cuore?
    E cosa posso rispondere? Sì, certo, si potrebbe. Poi, torno a fissare le immagini dei treni sventrati.