< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Noi e loro
  • Manifestazioni molto pacifiche
  • La moneta di Prizren
  • Un pomeriggio al cinema
  • Le finte della storia
  • Zia
  • Il sol dell’avvenire
  • Nessuno
  • Rinnovi
  • Farsene un’idea
  • March 2004
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/03/2004

    La storia siamo noi

    Filed under: — JE6 @ 11:14

    In calce al post di ieri, o meglio, alla citazione del post di Fuoridalcoro.
    La storia – la maiuscola la metta chi vuole – è fatta di onde grandi e piccole: quelle enormi della tempesta perfetta, e quelle minuscole che si adagiano sulla battigia di Bosa Marina. Sembrano molto diverse tra loro, queste onde, ed in buona misura lo sono davvero. Le prime vivono di sè, e sono abbastanza forti da lasciare il segno; le seconde, per lasciare questo segno, hanno bisogno di migliaia, milioni di altre onde uguali a loro.
    Eppure, sia le une che le altre modificano il corso delle cose (si potrebbe dire che sono il corso delle cose). Sia le une che le altre sono prima cronaca, e poi storia. Ecco perchè vale la pena raccontarle, come si sa e come si può: del nostro passato prendiamo coscienza sia leggendo ponderosi tomi, sia guardando le foto color seppia che troviamo nei cassetti dei nostri nonni.
    La blogpalla, oggi, mi sembra fatta da pochi scrittori (ed anche qui, la maiuscola la metta chi vuole) e moltissimi fotografi dilettanti, alcuni molto bravi, altri meno. Ma mi consola l’idea che, tra dieci o vent’anni, si potranno leggere questi post a complemento dei testi universitari, e si capirà qualcosa in più dei tempi che abbiamo vissuto.