< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • March 2004
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/03/2004

    Mala tempora

    Filed under: — JE6 @ 11:31

    Lo so di aver già appoggiato pubblicamente la corrente di pensiero filosofico secondo la quale, per capire il mondo nel quale si vive, si devono (anche) guardare i programmi televisivi che vanno per la maggiore.
    Ciò nonostante, non riesco a non felicitarmi del fatto che ieri sera, alle ventietrenta ora italiana, ero ancora sulla pista di rullaggio di London Heathrow.

    2 Responses to “Mala tempora”

    1. sphera Says:

      A tutto c’è un limite. Preferisco capirne un po’ meno, del mondo: pazienza.

    2. Gianni Says:

      Guardarli il minimo indispensabile (forse) se no diventa un alibi per il guardone tv. O forse è davvero preferibile “capirne un po’ meno del mondo”.

    Leave a Reply