< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2011
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    09/05/2011

    Greetings from Trieste – Dall’alto dei colli e dentro le luci

    Filed under: — JE6 @ 08:44

    Quando una curva della strada che scende da Opicina ci mostra il mare e il porto sento papà mormorare “La mia città” – e quello sarà uno dei due momenti (l’altro quando un carabiniere in mimetica blu gli aprirà il portone del reggimento di Gorizia e gli regalerà un quarto d’ora nella caserma dove entrò ragazzo nel 1952) nei quali saprò che siamo qui per un buon motivo. E’ bello guardare le città dall’alto, ne vedi il perimetro, le forme, le linee, un po’ come vorremmo ogni tanto fare nella vita, tirarci fuori e osservare da un altro punto di vista le nostre stesse cose. Poi scendiamo. Mi piace Trieste, questo suo sembrarmi una città austriaca con le macchie di un passato lontano – gli ori della chiesa greco-ortodossa, i nomi slavi, la cupola della chiesa serba con le scritte in cirillico – e il suono allegro del dialetto, il ragazzo nero che telefona seduto ai piedi del monumento ai bersaglieri mentre le due sartine di bronzo che cuciono la bandiera italiana lo guardano. E’ più bella oggi, dice papà, lui che in sella alla sua Guzzi arrivò in questa piazza magnifica il giorno che Trieste tornò a essere italiana, e sono silenziosamente orgoglioso di lui perché non si lascia vincere dalla nostalgia dei tempi che furono, della sua gioventù, non si lascia schiaffeggiare dal non ritrovare uno spiazzo o un bar, dal non rivedere se stesso e quel manipolo di giovani con i quali guardava attonito i cannoni jugoslavi puntati verso l’Italia, con i quali correva per ore e ore lungo le strade del Carso. La sera, mentre guardiamo i fuochi d’artificio che illuminano i moli e la grande nave da crociera, ripenso a quella frase – “La mia città” -, l’ha detta seriamente anche se qui ha passato uno solo dei suoi ottantuno anni di vita; e stando qui, dentro le luci, nel casino organizzato dei caffé storici, dei turisti che passeggiano e degli indigeni che si ritrovano, stando dentro a quel perimetro, a quelle forme e linee che perdono il loro senso geometrico ma acquistano il confuso e indispensabile passo delle cose di tutti i giorni, stando qui sono contento per lui, lui che pensa di aver ricevuto un regalo con questi due giorni all’ombra di San Giusto e invece il regalo lo sta facendo, e lo fa nel modo migliore, più bello: senza saperlo. Sentiamo l’ultimo botto, in cielo si apre un’enorme palla colorata, la ruota del microscopico luna-park montato sulla Riva riprende a girare.