< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2011
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/05/2011

    Nessuno è perfetto

    Filed under: — JE6 @ 15:13

    A me sarebbe tanto piaciuto che Diego riuscisse a raccontare Milano come aveva fatto, chessò, con Lampedusa. Poi ho visto la sua faccia (minuto 4:01, per chi volesse) nella prima inquadratura che lo riprende qui dalle mie parti, e mi son detto “va bene, facciamo la prossima volta” (no, poi il name dropping De Rossi – Mastandrea piace anche a me, sia chiaro, ma questo è un altro discorso) .

    4 Responses to “Nessuno è perfetto”

    1. Antonella Says:

      I danni della par condicio.

    2. Sir Squonk Says:

      Secondo me la par condicio c’entra gnente, ma vabeh.

    3. Diego Says:

      Eh, insomma, ora non so che faccia io abbia fatto a quel minuto, non la ricordo, la rivedrò, ma ti assicuro che parlare di Milano nella settimana del ballottaggio senza poter parlare con la gente, poter inquadrare un manifesto, ascoltare un candidato, senza sostanzialmente poter parlare di questo ballottaggio e di tutto quel che ci gira intorno, non era semplice. E quindi è venuta così. Considera che neanche volevano mandarmici a Milano, per i motivi sopra elencati, ma ci son venuto lo stesso.
      Poi ovviamente nessuno è perfetto, ci mancherebbe altro.

    4. Sir Squonk Says:

      Prima di tutto grazie per la risposta. Poi, giusto per curiosità mia e cercando di non esagerare, ma: non era tutto prevedibile? Cioè, le limitazioni di cui parli credo che fossero conosciute, no? Quindi: era davvero necessario farlo, quel pezzo? Dovevi farlo? Capisco il fatto che Milano sia al centro dell’attenzione (dillo a me, che ci vivo e pare che dobbiamo salvare la patria, che è davvero una roba da ubriachi), ma se meglio di così non si poteva fare, si doveva fare per forza?

    Leave a Reply