< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • August 2010
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/08/2010

    Sei minuti

    Filed under: — JE6 @ 22:49

    Sei minuti è il tempo che occorre al ponte rotante di Lefkada per aprire le porte della laguna, far passare le barche incolonnate l’una dietro l’altra e richiudersi. Sei minuti non sono molti. Ma sono abbastanza per farci spegnere il motore e abbassare i finestrini, e guardare il sole che si abbassa sull’acqua a ovest, e rimirare la sagoma delle colline dentro l’acqua a est. Osserviamo le barche a vela, e un gabbiano che galleggia solitario, e due persone in bicicletta, e sembra tutto fermo e perfetto. Diciamo qualche parola a bassa voce, lo stereo in sottofondo passa “Bad”, “sembra la canzone giusta per questo momento”, “sì, basta non pensare alle parole ed è vero”, e poi è silenzio. Sei minuti servono a staccare, anche se non abbiamo fretta, anche se abbiamo già staccato, anche se ci stiamo muovendo lungo questi giorni con la lentezza che possiamo – sei minuti possono essere sufficienti a prendere congedo da se stessi, almeno fino a quando il ponte si muove e le lagune si richiudono e i motori si riaccendono e i finestrini si rialzano e si tira un respiro lungo, dai che si va, hai visto quel fusto di cannone, cosa si fa per cena.

    Leave a Reply