< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • August 2010
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/08/2010

    Autostima

    Filed under: — JE6 @ 09:57

    Gli italiani sono quelli che vanno in vacanza e son contenti di non trovare altri italiani. Cioè se stessi.

    3 Responses to “Autostima”

    1. spiritum Says:

      Messa così è brutta.
      Ti dico una cosa: in Grecia, quest’estate, quando capivano che ero italiano (o glielo dicevo) la prima domanda era sempre (facciamo almeno “molto spesso”): “From North Italy?”. Sì, lo so, è facile generalizzare e tutto il resto, però…

    2. Sir Squonk Says:

      Mah, io parlo proprio del nostro atteggiamento. Che parte dal “ci sono italiani?” e solo in un secondo momento va a sfrucugliarne la provenienza. Ho un’amica che pensa che sia perché ci si vuole godere il luogo nella sua integrità, ma se così fosse allora ci lamenteremmo anche della presenza degli olandesi o degli spagnoli. E invece: ci sono italiani? Sì. E allora roteiamo le pupille.

    3. spiritum Says:

      Mi ci metto dentro senza dubbio alla categoria. Presumibilmente è possibile che ci sia una parte di italiani, quando va all’estero, proprio non ama essere associato al suo paese, quindi men che meno trovare compatrioti nelle vicinanze. Una sorta di “vergogna morale”, se non fosse eccessivo come termine. La provenienza territoriale mi è stata richiesta dai greci che, pur con difficoltà linguistiche, mi hanno fatto poi presente di non avere una grande considerazione di parte dei nostri compatrioti provenienti da date regioni. Non fa certo statistica, ti parlo di un paio di ragazzi dietro al bancone di hotel, un paio di tuttofare di un villaggio-albergo, un noleggiatore di auto.

    Leave a Reply