< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2011
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/05/2011

    Cowboy

    Filed under: — JE6 @ 18:55

    Il ragazzo fa quel movimento, quello che vede fare dai tennisti in televisione, gira la testa e porta in avanti la spalla, e così asciuga per qualche secondo la fronte e gli occhi dal sudore della giornata caldissima. Nella via che porta alla piazza della chiesa c’è il silenzio totale delle tre del pomeriggio di una giornata molto calda. Il ragazzo stringe gli occhi, il lastricato chiaro riflette la luce del sole a picco. Gli viene in mente uno di quei film western che il padre gli faceva vedere quando ancora abitavano insieme, il cowboy che va incontro al suo destino camminando lentamente come se tutti i pesi del mondo gli facessero compagnia, accomodati sulle sue spalle stanche. Adesso il padre lo vede una volta ogni due settimane, e non ne sente nostalgia, se non ogni tanto quando non riesce a prendere sonno e il giorno dopo lo aspetta un compito in classe per il quale non ha studiato abbastanza, e si sente come quel cowboy. Alle sue spalle gli amici si stanno ancora tuffando nel fiume che attraversa il paese, per poi lasciarsi trascinare dalla corrente fino a quando questa non li porta vicini alle sponde sulle quali si issano con la forza dei nervi, ché i muscoli a sedici anni non sono abbastanza per arpionare il cemento ruvido con le mani e tirarsi su sicuri e spaventati davanti alle ragazze che si sono tolte la maglietta per prendere il primo sole vero dopo l’inverno eterno. Il ragazzo non aveva più voglia, e non c’era nessun bikini che lo interessasse per davvero: quello che voleva non stava lì, e non aveva risposto al suo messaggio – siamo al ponte vecchio, ti aspetto. Dal bar della piazza della chiesa esce la voce dello speaker del telegiornale, il ragazzo si chiede chi mai può stare tutto il giorno a guardare un canale di sole notizie, sempre le stesse, ripetute cento volte. Dalla via che collega il paese alla statale sbuca un signore anziano, il ragazzo lo conosce, lui in paese ci è nato e cresciuto, non è di quelli che sono arrivati dalla città al seguito di genitori che cercavano un tre locali e un mutuo che non gli togliesse il sonno per il resto della vita. Il signore anziano si ferma davanti alla piccola cappella eretta in ricordo dei caduti in guerra, dieci cognomi ripetuti sette, otto, nove volte e due proiettili di obice messi ai lati come due chierichietti di ferro e polvere da sparo. Il ragazzo tira fuori il telefono dalla tasca posteriore dei jeans, lo guarda, passa alle spalle del signore anziano che chissà cosa sta pensando – se ancora riesce a pensare – e attraversa la strada.

    One Response to “Cowboy”

    1. Mr. Tambourine Says:

      Mi è piaciuto molto, questo pezzo.

    Leave a Reply